Lettera di Ranieri ai tifosi

Lettera di Ranieri ai tifosi

Lettera di Ranieri ai tifosi, caro Leicester, ti scrivo

Lettera di Ranieri ai tifosi Claudio Ranieri 2

Lettera di Ranieri ai tifosi in lingua originale e con traduzione

La lettera di Ranieri ai tifosi, primo con il suo Leicester in Premier league, la trovate qui sotto:

I remember my first meeting with the chairman when I arrived at Leicester City this summer. He sat down with me and said, “Claudio, this is a very important year for the club. It is very important for us to stay in the Premier League. We have to stay safe.”

My reply was, “Okay, sure. We’ll work hard on the training ground and try to achieve this.”

Forty points. That was the goal. That was the total we needed to stay in the first division, to give our fans another season of Premier League football.

Back then, I did not dream that I would open the paper on April 4 and see Leicester City at the top of the table with 69 points. Last year on this same day, the club was at the bottom of the table.

Unbelievable.

I am 64 years old, so I do not go out much. My wife has been with me for 40 years, so on my off days, I try to stay close to her. We go out to the lake by our house or maybe if we are feeling adventurous we watch a movie. But lately, I have indeed been hearing the noise from all over the world. It is impossible to ignore. I have heard we even have some new supporters in America following us.

To you, I say: Welcome to the club. We are happy to have you. I want you to love the way we play football, and I want you to love my players, because their journey is unbelievable.

Perhaps you have heard their names now. Players who were considered too small or too slow for other big clubs. N’Golo Kanté. Jamie Vardy. Wes Morgan. Danny Drinkwater. Riyad Mahrez. When I arrived my first day of training and I saw the quality of these players, I knew how good they could be.

Well, I knew we had a chance to survive in the Premier League.

This player Kanté, he was running so hard that I thought he must have a pack full of batteries hidden in his shorts. He never stopped running in training.

I had to tell him, “Hey, N’Golo, slow down. Slow down. Don’t run after the ball every time, okay?”

He says to me, “Yes, boss. Yes. Okay.”

Ten seconds later, I look over and he’s running again.

I tell him, “One day, I’m going to see you cross the ball, and then finish the cross with a header yourself.”

He’s unbelievable, but he is not the only key. There are too many keys to name in this incredible season.

Jamie Vardy, for example. This is not a footballer. This is a fantastic horse. He has a need to be free out there on the pitch. I say to him, “You are free to move however you want, but you must help us when we lose the ball. That’s all I ask of you. If you start to press the opposition, all of your teammates will follow you.”

Before we played our first match of the season, I told the players, “I want you to play for your teammates. We are a little team, so we have to fight with all our heart, with all our soul. I don’t care the name of the opponent. All I want is for you to fight. If they are better than us, Okay, congratulations. But they have to show us they are better.”

There was a fantastic electricity in Leicester from the very first day. It starts from the chairman and goes to the players, the staff, the fans. It was unbelievable what I felt. In the King Power Stadium, there was a terrific energy.

Do the fans sing only when we have the ball? Oh, no, no, no. When we are under pressure, the fans understand our pain and they sing their hearts out. They understand the complexity of the game, and when the players are suffering. They are very, very close to us.

We started the season very well. But our goal, I repeat, was to save the club from relegation. The first nine games, we were winning, but we were giving up many goals. We had to score two or three goals to win every game. It concerned me very much.

Before every game, I said, “Come on boys, come on. Clean sheet today.”

No clean sheet. I tried every motivation.

So finally, before the game against Crystal Palace, I said, “Come on boys, come on. I offer you a pizza if you get a clean sheet.”

Of course, my players made a clean sheet against Crystal Palace. One-nil.

So I stood by our deal and took my players to Peter Pizzeria in Leicester City Square. But I had a surprise for them when we got there. I said, “You have to work for everything. You work for your pizza, too. We will make our own.”

So we went into the kitchen with the dough and the cheese and the sauce. We tossed our own pies. It was very good, too. I enjoyed many slices. What can I say? I’m an Italian man. I love my pizza and my pasta.

Now, we make a lot of clean sheets. A dozen clean sheets after the pizza, in fact. I think this is no coincidence.

We have six games remaining, and we must continue fighting with our heart and our soul. This is a small club that is showing the world what can be achieved through spirit and determination. Twenty-six players. Twenty-six different brains. But one heart.

There was a fantastic electricity in Leicester from the very first day. It was unbelievable what I felt.

Just a few years ago, many of my players were in the lower leagues. Vardy was working in a factory. Kanté was in the third tier of the French league. Mahrez was in the French fourth division.

Now, we are fighting for a title. The Leicester fans I meet in the street tell me they are dreaming. But I say to them, “Okay, you dream for us. We do not dream. We simply work hard.”

No matter what happens to end this season, I think our story is important for all football fans around the world. It gives hope to all the young players out there who have been told they are not good enough.

They can say to themselves, “How do I arrive at the top level? If Vardy can do this, if Kanté can do this, maybe I can too.”

What do you need to arrive?

A big name? No.

A big contract? No.

You just need to keep an open mind, an open heart, a full battery, and run free.

Who knows, maybe at the end of the season, we will have two pizza parties.

Claudio Ranieri

Ecco la traduzione (presa su Facebook):

Mi ricordo il primo incontro con il Presidente quando sono arrivato a Leicester questa estate. Si e’ seduto con me e mi ha detto, “Claudio, e’ un anno molto importante per club. E’ molto importante per noi rimanere nella Premier League. Dobbiamo salvarci”.
La mia risposta e’ stata, “Okay, certo. Lavoreremo duro sul campo di allenamento e tenteremo di raggiungere l’obiettivo”.
Quaranta punti. Quello era l’obiettivo. Quello era il totale che ci serviva per rimanere nella prima divisione per dare ai nostri tifosi un altra stagione nella Premier League.
Allora non mi sarei mai sognato di aprire il giornale il 4 di Aprile e vedere il Leicester City in testa al campionato con 69 punti. L’anno precedente, nello stesso giorno, il club era in fondo alla classifica.
Incredibile.
Ho 64 anni, quindi non vado fuori troppo spesso. Mia moglie e’ con me da 40 anni, quindi nel tempo libero, cerco di stare con lei. Andiamo al lago vicino a casa nostra o se ci sentiamo avventurosi, guardiamo un film. Ma ultimamente ho sentito un gran rumore provenire da tutto il mondo. E’ impossibile ignorarlo. Ho sentito che addirittura abbiamo nuovi tifosi che ci seguono dall’America.
A loro dico, benvenuti nel club. Siamo felici di avervi. Voglio che amiate il modo in cui giochiamo al calcio, e voglio che amiate i miei giocatori, perche’ il loro percorso e’ incredibile.
Forse conoscete i loro nomi ora. Giocatori che erano considerati troppo piccoli o troppo lenti per i grandi club. N’Golo Kanté. Jamie Vardy. Wes Morgan. Danny Drinkwater. Riyad Mahrez. Quando sono arrivato, il primo giorno di allenamento, ho visto la qualita’ di questi giocatori e ho capito quanto bravi avrebbero potuto essere.
Ho capito che avremmo avuto la possibilita’ di rimanere in Premier League.
Questo giocatore Kante’, correva cosi’ tanto che ho pensato avesse un pacco di batterie nascosto sotto i pantaloncini. Non si fermava mai durante gli allenamenti.
Ho dovuto dirgli, “Hey, N’Golo, rallenta, rallenta. Non correre dietro alla palla tutte le volte, okay ?”
Lui mi diceva, “Si boss, Si. Okay”
Dieci secondi piu’ tardi guardavo e lui di nuovo correva.
Gli ho detto, “Un giorno ti vedro’ crossare la palla e colpirla tu stesso di testa”.
Lui e’ incredibile, ma lui e’ una delle chiavi del successo. Ci sono cosi’ tante chiavi da nominare per spiegare questa incredibile stagione.
Jamie Vardy, per esempio. Lui non e’ giocatore di calcio. Lui e’ un cavallo di razza. Ha bisogno di essere libero di svariare sul campo. Io gli dico, “Tu sei libero di muoverti dove vuoi, ma devi aiutare gli altri quando perdiamo la palla. E’ tutto quello che gli chiedo. Se tu cominci a fare pressing, tutti i tuoi compagni ti seguono.
Prima di iniziare la prima partita della stagione, ho detto ai giocatori, “Voglio vedervi giocare per i vostri compagni. Siamo una piccola squadra, quindi dobbiamo lottare con il cuore e con l’anima. Non mi interessa il nome dei nostri avversari. Tutto cio’ che voglio da voi e’ lottare. Se poi loro sono meglio di noi, Okay, congratulazioni, ma devono dimostrare di essere meglio”.
C’e stata una fantastica energia a Leicester, sin dall’inizio. Una energia che comincia dal Presidente e passa dai giocatori, tutto lo staff e ai tifosi. E’ stato incredibile cio’ che ho provato. Nello stadio King Power, c’era una energia terrificante.
Pensate che i tifosi cantino solo quando abbiamo la palla ? No no no. Quando siamo sotto pressione, i tifosi lo capiscono e cantano piu’ forte, con il cuore. Capiscono la complessita’ del gioco e quando i giocatori vanno in sofferenza. Ci stanno sempre molto, molto vicini.
Abbiamo iniziato la stagione molto bene, ma il nostro obiettivo, ripeto, era di salvarci. Abbiamo vinto le prime nove gare, ma abbiamo concesso troppi goal. Abbiamo dovuto segnare due o tre goal per vincere ogni partita. La cosa mi ha molto preoccupato.
Prima di ogni partita dicevo, “Forza ragazzi. Porta inviolata oggi”.
Niente da fare. Le ho provate tutte.
Alla fine, prima della gara con il Crystal Palace, ho detto, “Forza ragazzi, forza, vi offro una pizza se oggi non prendete goal”.
Ovvio, i miei giocatori mi hanno accontentato. Non abbiamo preso goal dal Crystal Palace. Uno a zero.
Ho mantenuto la promessa e ho portato i miei giocatori alla pizzeria Peter nella piazza della citta’ di Leicester. Ma ho preparato una sorpresa. Ho detto, “Dovete sempre lavorare. Dovete lavorare anche per la vostra pizza. Ce la prepariamo da soli”
Siamo andati in cucina con l’impasto, la mozzarella e la salsa. Abbiamo steso le pizze e le abbiamo cucinate. Era buonissima, e ho mangiato diverse porzioni. Cosa posso dire ? Sono Italiano e mi piace fare la mia pizza e la mia pasta.
In seguito non abbiamo preso goal in molte partite. Almeno una dozzina di partite senza prendere goal, dopo la pizza. Io non credo sia una coincidenza.
Ci rimangono sei partite e dobbiamo continuare a lottare con cuore e anima. Questo e’ un piccolo club che sta dimostrando al mondo cosa si puo’ realizzare tramite lo spirito e la determinazione. Ventisei giocatori. Ventisei cervelli, ma un solo cuore.
Solo pochi anni fa, molti dei miei giocatori militavano nelle serie minori. Vardy lavorava in una azienda. Kante’ era nella terza divisione Francese. Mahrez era nella quarta divisione Francese.
Ora stiamo lottando per il titolo. I tifosi che incontro mi dicono che stanno sognando, ma io dico loro, “Okay, voi sognate per noi. Noi non sogniamo. Noi semplicemente, lavoriamo sodo”.
Non importa quello che succedera’ alla fine della stagione. Io penso che la nostra storia e’ importante per i tifosi di calcio nel mondo. Diamo speranza a tutti i giovani giocatori ai quali e’ stato detto che non sono bravi abbastanza.
Possono dire a se stessi, “Come faccio ad arrivare in alto ? Se Vardy ci riesce, se Kante’ ci riesce, forse posso riuscirci anch’io”
Di cosa abbiamo bisogno per realizzarci ?
Un nome famoso ? No
Un grosso contratto ? No
Avete solo bisogno di tenere la vostra mente aperta, il Vostro cuore aperto, le batterie cariche e correre liberi.
Chi lo sa, forse alla fine della stagione, organizzero’ due feste a base di pizza.

Claudio Ranieri

Se cercate la lettera originale di Claudio Ranieri la trovate qui sul sito http://www.theplayerstribune.com: link

L’impresa è vicina il suo Leicester è vicino a fare la storia e riuscire a vincere la Premier, buona fortuna Claudio.

Lettera di Ranieri ai tifosi Claudio RanieriRed

Incredibile in Sud America

Incredibile in Sud America

Incredibile in Sud America Gloria vs international

Incredibile in Sud America. Guardate cosa è successo nel campionato brasiliano: il portiera fa due salvataggi senza rendersene conto, anche se dobbiamo ammetterlo con la complicità dell’attaccante, che poteva essere un po’ più preciso sotto porta.

La partita in questione era Gloria Vs International, se volete c’è anche un viceo su Youtube: link

Red

Gloria vs International

Il Torino batte l’Inter 1-2

Il Torino batte l’Inter 1-2

A San Siro finisce come l’anno scorso, il Torino batte l’Inter 1-2

Maxi lopez Il Torino batte l'Inter 1-2

Il Torino batte l’Inter 1-2, per l’Inter addio Champions perchè la Roma che scappa a più 8

Il Torino batte l’Inter 1-2. Dopo 14 minuti di noia, l’arbitro concede un fallo assegna un rigore inesistente all’Inter, per un fallo di mano di Emiliano Moretti su un tiro di Marcelo Brozović. Calcia il rigore Mauro Icardi e Inter va in vantaggio. Il ritmo della partita però non cambia.

Il secondo tempo inizia con Andrea Belotti a tu per tu con Samir Handanovič. Parata del portiere sloveno. Al 10’ il Toro pareggia:  gol di Cristian Molinaro, che infila Handanovic con un tiro angolato dopo aver ricevuto un ottimo assist da Maxi López.

Miranda entra in ritardo su Belotti e prende il secondo cartellino giallo. Al 25′ Daniele Baselli da la possibilità di segnare a Maxi López, che tocca debolmente di tacco. Al 27, Belotti, liberato da un tacco di Maxi López cade in area. Rigore e rosso diretto per Yūto Nagatomo. Belotti stesso realizza e porta il Torino in vantaggio 2-1. L’Inter non riesce a reagire e poco dopo Baselli colpisce il palo.

L’Inter saluta il già difficile sogno Champions, la Roma vola a più 8. Al Torino basta giocare bene per 20 minuti per vincere meritatamente la partita, i granata per il secondo anno di fila battono l’Inter a Milano. Nell’Inter Handanovič tra i migliori, nel Torino Maxi López.

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Santon (dal 40′ s.t. Eder), Miranda, Juan Jesus, Nagatomo; Brozovic, Medel; Ljajic (dal 14′ s.t. Murillo), Palacio, Perisic; Icardi (dal 26′ s.t. Biabiany). (Carrizo, Berni, Kondogbia, Jovetic, Telles, Gnoukouri, D’Ambrosio, Melo). All. Mancini
TORINO (3-5-2): Padelli; Bovo, Jansson, Moretti; Peres, Benassi (dal 34′ s.t. Farnerud), Vives (dal 22′ s.t. Vives), Obi (dall’11’ s.t. Baselli), Molinaro; Belotti, Maxi Lopez. (Castellazzi, Ichazo, Zappacosta, Martinez, Maksimovic, Silva). All. Ventura
ARBITRO: Guida di Torre Annunziata
Goal e cartellini: ammoniti: Moretti (T), Vives (T), Medel (I), Bruno Peres (T), Molinaro (T). Espulsi Miranda (I) al 12′ s.t. per doppia ammonizione e Nagatomo (I) al 27′ s.t. per gioco scorretto

Red

Intitolazione dell’Olimpico al Grande Torino

Intitolazione dell’Olimpico al Grande Torino

Intitolazione dell’Olimpico al Grande Torino, la petizione sfiora 1300 firme

Intitolazione dell’Olimpico al Grande Torino Torino Football Club

Intitolazione dell’Olimpico al Grande Torino, in più anche la richiesta di illuminare di granata la Mole Antonelliana ogni 4 maggio

Visto che le istituzioni non ci hanno ancora pensato è nata questa iniziativa popolare che ha già superato le 1300 firme.Tutto questo è stato possibile grazie al sito change.org, che permette di indire petizioni online.

L’Olimpico è da dieci anni il terreno di gioco del Torino, dopo avere abbandonato il Delle Alpi, trasformato dalla Juventus. Già durante le Olimpiadi, si voleva cambiare dello stadio e intitolandolo al Grande Torino, poi però non se ne fece nulla. La petizione, rivolta al Sindaco Piero Fassino chiede, inoltre, di illuminare di luce granata la Mole Antonelliana, ogni 4 maggio, per ricordare i caduti di Superga.

Questa iniziativa sta diventando importante grazie ai social network. Se volete aumentare le firme condividete l’articolo è importante.

Il  link sul quale potete firmare è questo: PETIZIONE

Red

Ventura l’allenatore che ha perso più derby

Ventura l’allenatore che ha perso più derby

Ventura l'allenatore che ha perso più derby Giampiero Ventura Torino foto tratta da internetVentura l’allenatore che ha perso più derby, un ruolino negativo come nessun altro nella storia del Torino

Ventura l’allenatore che ha perso più derby. Ventura l’allenatore che ha perso più derby .Quest’anno ne ha persi tre su tre subendo ben 10 gol, questo è il bottino di Giampiero Ventura. Da ieri pomeriggio Ventura ha inoltre raggiunto un nuovo record negativo: é l’allenatore che ha perso più derby della mole, otto su nove partite contro la Juventus.

Prima di ieri era a pari merito con Luigi Radice, i due risultati però non sono paragonabili perchè il tecnico dell’ultimo scudetto granata di derby ne aveva giocati ben 19, tutti gli altri esiti erano stati positivi.

Ad accrescere la negatività del dato sono i gol subiti, 20 contro i 5 realizzati.

Tutti i derby in cui Ventura si è seduto in panchina:

1/12/12 Juventus-Torino 3-0
28/4/13 Torino-Juventus 0-2
29/9/13 Torino-Juventus 0-1
23/2/14 Juventus-Torino 1-0
30/11/14 Juventus-Torino 2-1
26/4/15 Torino-Juventus 2-1
31/10/15 Juventus-Torino 2-1
16/12/15 Juventus-Torino 4-0
20/3/16 Torino-Juventus 1-4

Red

Fa male perdere un derby così

Fa male perdere un derby così

Torino Giampiero Ventura Fa male perdere un derby così

Giampiero Ventura, nel post derby: fa male perdere un derby così

Fa male perdere un derby così. Giampiero Ventura, poco dopo il termine della partita ha così commentato la sconfitta:

Fa male perdere un derby così. Bisogna dire che però abbiamo giocato contro la Juventus, la squadra più forte del campionato che è prima in classifica. Siamo andati sotto di due gol per meriti nostri e demeriti altrui, però dopo che abbiamo raggiunto l’1-2 a me viene difficile commentare una partita così. Ci è stato annullato un gol regolarissimo e non sono stati espulsi Alex Sandro e Bonucci. Io sfido chiunque a spiegarmi come mai non sono state prese queste decisioni. Mi è difficile accettare una sconfitta così, ci sono tantissimi arbitri io non comprendo come possano accadere errori del genere.

L’arbitro ha sbagliato non espellendo Alex Sandro ed annullando un gol regolarissimo a Maxi López, che avrebbe portato la partita sul 2-2, ma questo non nasconde la mancanza di gioco da parte dei granata che può essere imputata solo al loro tecnico. Il Torino si è reso pericoloso solo grazie ad azioni personali dei singoli, come Maxi López, Bruno Peres e Nikola Maksimović.  Il Torino Football Club ora è solo a più 5 sulla terzultima.

Red

Lazio saluta la coppa

Lazio saluta la coppa

Lazio saluta la coppa, disastrosa la sconfitta con lo Sparta Praga

Lazio saluta la coppa lazio sparta praga Athletic Club Sparta Praha fotbal

Lazio saluta la coppa, l’Italia perde anche l’ultima rappresentante nelle coppe europee dopo gli ottavi di finale, non accadeva da 15 anni.

Lazio saluta la coppa. Dopo la Juventus anche la Lazio saluta la Coppa. I bianconeri però sono stati eliminati dal Bayern Monaco, una delle migliori squadre del mondo, i biancocelesti solo da una squadra normale come lo Sparta Praga. Dopo l’1-1 dell’andata il passaggio del turno e l’approdo ai quarti non sembrava impossibile ma è finita 0-3 all’Olimpico.

La Lazio saluta la coppa dopo appena 15 minuti, con le due reti di Borek Dockal al 10′ e di Ladislav Krejci al 12′, poi pco prima dell’intervallo arriva anche il terzo gol di Lukas Julis che cancella le ultime speranze.

Nella ripresa la Lazio prova a riaprire la partita e Stefano Pioli mette in campo Felipe Anderson e Alessandro Matri, ma i biancocelesti non riescono a graffiare e lo Sparta Praga riesce a controllare senza problemi

La Lazio saluta la coppa a testa bassa tra i fischi dell’Olimpico e l’aspra contestazione nei confronti del presidente Claudio Lotito.

Il quadro degli ottavi di finale di ritorno di Europa league:

Leverkusen-Villarreal 0-0 (andata 0-2)
Lazio-Sparta Praga 0-3 (andata 1-1)
Valencia-Athletic Bilbao 2-1 (andata 0-1)
Siviglia-Basilea 3-0 (all’andata 0-0)
Tottenham-Borussia Dortmund 1-2 (all’andata 0-3)
Braga-Fenerbahce 4-1 (all’andata 0-1)
Anderlecht-Shakhtar 0-1 (all’andata 1-3)
Manchester United-Liverpool 1-1 (all’andata 0-2).

Passano il turno: Villarreal, Sparta Praga, Athletic Bilbao, Siviglia, Borussia Dortmund, Braga, Shakhtar Donetsk e Liverpool. Favorita per la vittoria finale è sicuramente il Borussia Dortmund, ma anche le altre squadre sono molto agguerrite. Se in finale andasse il Liverpool Jürgen Klopp potrebbe trovarsi davanti proprio il Borussia Dortmund la squdra che lo ha lanciato. Possibile anche l’incrocio nel corso della competizione.

Red

Lazio saluta la coppa SS Lazio

 

Lazio, Lulic: Non siamo una squadra

Lazio, Lulic: non siamo una squadra

Lazio, Lulic: qualcuno è scappato negli spogliatoi non siamo una squadra

Lazio, Lulic: Non siamo una squadra

Lazio, Lulic: non siamo una squadra, Biglia: dobbiamo vergognarci

Lazio, Lulic: non siamo una squadra. Dopo l’ennesima disfatta per la Lazio in stagione i fischi e la contestazione dei tifosi ci sono stati, ma il primo anon essere d’accordo con l’atteggiamento dei compagni è Senad Lulic.

Quando si devono prendere i fischi come stasera si prendono tutti insieme. Noi non siamo rimasti tutti in campo. In 5-6 si sono presi i fischi, altri sono corsi negli spogliatoi, scappati. Questo dimostra che non siamo una squadra. Quando si prendono gli applausi si prendono tutti, lo stesso vale per i fischi.

La lazio ha perso 3-0 in casa con lo Sparta Praga e il risultato poteva assumere connotati molto più drammatici.

Il compagno di squadra Lucas Biglia rincata la dose:

È una vergogna quello che abbiamo fatto. Una vergogna. Una vera vergogna. Speriamo che questa serata possa servire come esperienza. Oggi dovevamo fare di più, basta. Ora proviamo a fare bene in campionato, che non è ancora finito.

La stagione della Lazio è da dimenticare, solo ieri l’allentaore Stefano Pioli aveva provato a dare una scossa all’ambiente, ma il tentativo è stato vano. I big di mercato che la Lazio ha trattenuto si sono considerevolmente deprezzati soprattutto Felipe Anderson l’ombra di quello che aveva vedere buone potenzialità l’anno scorso.

Red

Salviamo la stagione con l’Europa League

Salviamo la stagione con l’Europa League

Pioli: “Salviamo la stagione con l’Europa League”

SS Lazio Salviamo la stagione con l'Europa League

Il messaggio del tecnico biancoceleste è chiaro, perchè Salviamo la stagione con l’Europa League può anche voler dire la sua riconferma in caso di successo

Salviamo la stagione con l’Europa League. Contro lo Sparta Praga la Lazio si gioca tutto in 90′. Si riparte dall’1-1 dell’andata e Stefano Pioli sa bene quanto valga la qualificazione ai quarti di Europa League:

Questo anno si salva andando il più avanti possibile in Europa League e magari vincendola (…) Poi, tentando la rimonta in campionato, ma non giochiamo soltanto per il passaggio del turno ma anche per trovare slancio, entusiasmo e voglia per finire bene la stagione.

Se la Lazio vincesse l’Europa League oltre ad aggiudicarsi un prestigioso trofeo avrebbe la possibilita di qualificarsi per la prossima Champions League, che vorrebbe dire un’entrata economica non di poco conto. Il passaggio del torno non è un’utopia, ma per vincere la coppa servirebbe un autenti miracolo essendo in corsa ancora squadre come il Manchester UTD (anche se non in grande spolvero quest’anno) e soprattutto il Borussia Dortmund. da non dimenticare il Siviglia che non parte mai con i favori del pronostico, ma è quasi sempre la squadra che si aggiudica la coppa. Gli spagnoli dal 2005 in avanti hanno vinto l’Europa League ben quattro volte: 2005-2006, 2006-2007, 2013-2014, 2014-2015.

Red

Lettera aperta di Ventura ai tifosi

Lettera aperta di Ventura ai tifosi

Lettera aperta di Ventura ai tifosi: “Mi avete fatto capire cos’è il Toro”

Lettera aperta di Ventura ai tifosiLettera aperta di Ventura ai tifosi dopo il colloquio in Sisport

Lettera aperta di Ventura ai tifosi. Dopo il confronto diretto con i tifosi di martedì al termine dell’allenamento alla Sisport, il tecnico granata scrive una lettera aperta ai tifosi attraverso il sito ufficiale del Torino Football Club.

Ecco la lettera aperta di Ventura ai tifosi:

Martedì pomeriggio ho avuto la possibilità di confrontarmi con una piccola delegazione di tifosi presenti all’allenamento. La circostanza mi ha portato indietro di cinque anni. 11 luglio 2011: il mio debutto alla Sisport. Stesso campo, stessa tribunetta. Primo incontro con il popolo granata, arrabbiato. Il colloquio dell’altro ieri, anche attraverso una esplicita richiesta di alcuni dei presenti, mi ha fatto comprendere la necessità di comunicare senza filtro direttamente con voi tifosi, ed è per questo che vi scrivo.

In questo lasso di tempo, da quel giorno di luglio a oggi, sono cambiate molte cose. Da una squadra con pochi giocatori di proprietà a una rosa con i migliori giovani e tutti vincolati al Torino. E oltre alla riconquista della serie A, un Settore giovanile tornato florido e vincente, il Filadelfia sempre più vicino alla rinascita e tra poco anche un Centro sportivo moderno e funzionale, grazie alla crescita della Società. Ma soprattutto, poco alla volta, in questi anni mi avete fatto capire che cos’è il Toro. Orgoglio, passione, senso di appartenenza. Sono sentimenti che percepisco intensamente. Sono estremamente orgoglioso d’essere da cinque anni l’allenatore del Toro: è il grande club che finalmente ho potuto raggiungere dopo una lunga carriera. E ho capito quanto il connubio tra la squadra e la gente granata sia da sempre un patrimonio del Toro.

Dopo quattro stagioni di evoluzione continua, per la prima volta in termini di risultati il nostro lavoro non corrisponde agli sforzi prodotti e alle aspettative acuite anche da un eccellente inizio di campionato. Siamo in difficoltà, è evidente, ma con la voglia di rivalsa e di riscatto perché i primi a soffrire siamo noi e quindi sappiamo bene cosa possano provare i nostri tifosi. Dobbiamo restare uniti, non è questa l’ora di stilare bilanci: per quello ci sarà tempo a fine campionato, dopo il 15 maggio. Nella settimana del derby e prima di altre otto partite che devono dare risposte importanti occorre rafforzare il legame tra la squadra e chi davvero ama il Toro. Più ancora dei punti che potremo fare è fondamentale non depauperare tutto quello che è stato prodotto: questa deve essere e sarà la base su cui verrà costruito il futuro del Toro.

Tutti uniti in nome di questa maglia. Guai dividerci ora. Nel calcio non si vive di parole, sono il primo a crederlo, lo dico da sempre: contano il lavoro e la professionalità, non gli slogan e le frasi fatte. Però le parole sono pietre: una sull’altra, cementandole con lo spirito giusto, servono a costruire ciò che serve. Ma se vengono usate per altri scopi, fanno solo male.

Siamo i primi a essere delusi dagli attuali risultati, ma adesso dobbiamo trovare dentro di noi la forza per reagire: non buttiamo via tutto, non facciamoci del male da soli, restiamo compatti. Grazie e Sempre Forza Toro.

Giampiero Ventura