Sconfessato Grillo sull’Expo

Sconfessato Grillo sull’Expo

Sconfessato Grillo sull’Expo, precedeva un flop e sono arrivate 21 milioni di persone

Sconfessato Grillo sull'Expo

Sconfessato Grillo sull’Expo, con una politica come la sua il paese può solo impoverirsi sempre di più

Sconfessato Grillo sull’Expo. Vi ricordate cosa aveva fatto Beppe Grillo davanti ai cantieri dell’Expo prima che aprisse? Aveva urlato con una serie di persone al suo seguito:

Dicono che qui verranno milioni di persone! A Pero-Rho! Ma chi volete che sappia dov’è Pero-Rho? Anche se fosse Melo-Rho sarebbe la stessa cosa! Qui, al massimo, verranno 10 mila persone!

Peccato che di persone ne siano arrivate 21 milioni e mezzo, un errore non di poco conto, ma si sa Grillo le spara sempre grosse.

Come riporta italiaoggi inoltre l’effetto Expo su Milano continua anche dopo la sua chiusura: nei primi due mesi di quest’anno, c’è stato un boom di turisti. Secondo i dati ottenuti analizzando il consuntivo della tassa di soggiorno nel capoluogo lombardo sono arrivati 1,5 milioni di turisti. Il Movimento 5 Stelle dovrebbe riflettere su questi dati e sulla sua politica

Red

Ilaria Morghen e National Geographic

Ilaria Morghen e National Geographic

Ilaria Morghen e National Geographic, lei posta una foto: “presto un servizio sulla prestigiosa rivista”. Ma il direttore della testata: “Non mi risulta”

Ilaria Morghen e National Geographic Movimento 5 stelle bufala

Ilaria Morghen e National Geographic: “ci hanno chiesto di accompagnarli nel tour della devastazione ambientale del nostro territorio”, ma le cose sono andate diversamente

Ilaria Morghen e National Geographic. ‬Lo scorso 16 marzo Ilaria Morghen ha pubblicato sulla sua pagina Facebook alcune foto, che la ritrarrebbero insieme a un fotoreporter di National Geographic:

Quello che vedete alle nostre spalle è un fotoreporter del National Geographic. La prestigiosa rivista ci ha chiesto di accompagnarli nel tour della devastazione ambientale del nostro territorio. ‪#‎NoTrivM5Slottaedenuncia

Peccato che il direttore di National Geographic, Marco Cattaneo, abbia dei seri dubbi sulla testata d’appartenenza del fotografo:

Buongiorno, sono il direttore di National Geographic Italia. Posso chiederle gentilmente di farmi sapere di che servizio si tratta? Perché questa mattina ne abbiamo parlato in redazione e a nessuno risulta di aver commissionato il servizio di cui si parla né chiesto a chicchessia di accompagnare un nostro fotografo per documentarlo. Può essere che ve lo abbiano chiesto i nostri colleghi americani? La ringrazio per un cortese riscontro.

La testata Estense.com, ha fatto chiarezza:

Quando, dopo aver letto lo scambio con Cattaneo, le abbiamo chiesto spiegazioni sui contatti con National Geographic, Morghen ha corretto il tiro: “Sono stata un po’ imprecisa in quel post. Non so su che rivista verrà pubblicato il servizio, si tratta di un freelance che ci ha chiamato per dare una mano e si è presentato come giornalista che ha lavorato per National Geographic, il Guardian e altre riviste internazionali”. A quanto ci dice Morghen, il fotoreporter non è peraltro solo nel suo lavoro: “C’è un gruppo che ci sta lavorando, ma non abbiamo interesse a pubblicizzarlo o lanciare l’anteprima.

Sul web sono moltissime le reazioni a questa gaffe, come chi fa notare che il fotografo scatta piazzando la macchina fotografica davanti agli occhiali da sole, un errore che non sarebbe commesso non solo da un professionista, ma anche da un appassionato di foto.

Red

Raggi su Acea e crollo in Borsa

Raggi su Acea e crollo in Borsa

Raggi su Acea e crollo in Borsa virginia raggi immagine presa da internet da giornalettismo

Frase Raggi su Acea e crollo in Borsa, Pd: “Pericolo pubblico”

Frasi a caso e incompetenza: la Raggi parla di Acea e fa perdere ai romani 70 milioni di euro. Un pericolo pubblico a 5 stelle.

E’ il tweet del presidente del Pd, Matteo Orfini, che commenta una notizia pubblicata oggi in prima pagina da “Il Messaggero“. Secondo il quotidiano, le dichiarazioni della candidata sindaco M5S Virginia Raggi sull’intenzione, in caso di vittoria, di cambiare il management dell’azienda municipalizzata romana di acqua ed energia, avrebbe fatto perdere in borsa oltre il 4% al titolo Acea. Si tratta di una società partecipata al 51% dal Comune di Roma. All’attacco dell’avvocatessa anche diversi parlamentari del Pd, tra i quali il senatore Stefano Esposito, ex assessore ai Trasporti della giunta comunale di Ignazio Marino.

Anche Roberto Giachetti, candidato sindaco del centrosinistra a Roma, è intervenuto con un tweet:

Si candidano a governare Roma ma pensano di giocare a Monopoli. 71 milioni persi per una frase di #Raggi su Acea. Dilettanti allo sbaraglio.

Red

Citazione in tribunale al Movimento 5 Stelle

Citazione in tribunale al Movimento 5 Stelle

Citazione in tribunale al Movimento 5 Stelle per le comunarie di Roma

Citazione in tribunale al Movimento 5 Stelle

Citazione in tribunale al Movimento 5 Stelle, anche Napoli alcuni candidati chiedono chiarezza

Citazione in tribunale al Movimento 5 Stelle. Tre attivisti del MoVimento 5 Stelle esclusi dalle consultazioni per il Campidoglio ed espulsi dal Movimento, hanno citato in Tribunale Beppe Grillo in quanto rappresentante di M5S chiedendo di essere riammessi nel Movimento e di annullare le Comunarie di Roma. I tre attivisti che hanno deciso di seguire le vie legali contro la loro espulsione dal M5S e l’esclusione dalla corsa a sindaco di Roma sono Paolo Palleschi, Roberto Motta e Antonio Caracciolo. quest’ultimo è il ricercatore della Sapienza che era stato escluso per le sue dichiarazioni “non in linea con il MoVimento 5 Stelle”.

Paolo Palleschi che ha dimestichezza con la legge, perchè oltre ad essere attivista è anche avvocato, ha dichiarato:

Questa mattina abbiamo iscritto al tribunale civile di Roma una causa contro il Movimento 5 Stelle rappresentato nella persona di Beppe Grillo. E abbiamo chiesto la dichiarazione di nullità delle espulsioni dal Movimento. Abbiamo chiesto che il giudice ordini a Grillo la riammissione degli esclusi e quindi la possibilità di ripetere le Comunarie.

I 5 stelle si sono difesi dichiarando:

E’ curioso che il promotore dell’iniziativa sia chi fino allo scorso anno era pubblicamente vicino ad altri partiti. Sembra più che altro una ricerca di visibilità strumentale. Ma a noi queste cose non ci preoccupano, bensì ci preoccupiamo per Roma. Continueremo ad andare avanti per la nostra strada con determinazione per cambiare il volto di una città che merita il proprio riscatto.

Sembra che la decisione possa arrivare entro un mese. Non sono sorti problemi per la correttezza delle Comunarie solo nella capitale, ma anche a Napoli, dove, secondo Adnkronos, un gruppo di esclusi M5S dovrebbe presentare a breve ricorso.

Red

Carlo Taormina diventa un 5 stelle

Carlo Taormina diventa un 5 stelle

Carlo Taormina diventa un 5 stelle: “A Roma voto Raggi, l’entusiasmo del M5S mi ricorda Forza Italia nel ’94”

Carlo Taormina diventa un 5 stelle

Carlo Taormina diventa un 5 stelle, Il legale ed ex parlamentare di Forza Italia si iscrive al portale di Beppe Grillo

Carlo Taormina diventa un 5 stelle. Carlo Taormina, ex parlamentare di Forza Italia e uno degli uomini simbolo di Berlusconi e della sua era, ha deciso di completare la sua iscrizione al Movimento 5 stelle. Ha scritto questo status su Facebook:

Dopo aver sempre votato e sostenuto M5S,ieri ho formalizzato la mia iscrizione al movimento per dare un contributo all’unica forza politica legittimata ad abbattere questo regime renzusconiano. Potrò fare poco ma quel poco lo farò tutto.

Ha anche di recente dichiarato:

Sostengo Virginia Raggi come tutte le persone avvedute di questa città. Non la conosco personalmente, ma da anni ormai voto M5S e di recente sono iscritto al portale di Grillo.

Taormina alla Zanzara su Radio 24 si è scatenato:

M5S? Mi sono iscritto al movimento. Voglio dare il mio contributo a livello di attività elettorale. Posso aiutare gratuitamente, come consulente, per le mie competenze giuridiche. Non voglio assolutamente poltrone”. Sono le parole dell’ex sottogretario di Forza Italia, Carlo Taormina, ospite de La Zanzara. Credo che Grillo e Casaleggio abbiano saputo della mia iscrizione oggi ho avuto su facebook ben 85mila contatti. Mi sono iscritto al blog di Grillo, facendomi aiutare da amici attivisti del M5S. Roma? Vincerà senza ombra di dubbio Virginia Raggi. La trovo una candidata non buona, buonissima già da tempo perché è una persona competente. Voterò e farò votare la Raggi, potrebbe essere il modo per dare una svolta non solo per Roma, ma per il nostro Paese. Il mio presidente del Consiglio ideale? Luigi Di Maio.

Poi prosegue:

Su Facebook ho scritto che è una conseguenza del permissivismo e dell’omologazione dell’omosessualità. Si respira un clima che non mi piace. Nel momento in cui certi fenomeni diventano di consapevolezza generale e fanno da esempio, poi certamente la degenerazione del costume è inevitabile. Io preferisco che l’esempio venga da una famiglia di eterosessuali anziché dagli omosessuali. C’è stata una situazione in cui c’erano tre ragazzi che stavano insieme per praticare l’omosessualità e che si sono drogati. E tutto questo ha prodotto il delitto. Il contesto è quello gay. Dobbiamo prendere atto che era un festino non tra eterosessuali, ma tra ‘persone dello stesso sesso’. Il Paese ormai è scassato, è in mano alla corruzione, all’omosessualità, all’immoralità famigliare. Difendere gli assassini? Certo che li difenderei, perché non dovrei?. […] La signora Vendola? Ne penso tutto il male possibile. Io lo arresterei e gli toglierei il figlio, questa cosa dell’utero in affitto è di una gravità unica. Dovrebbe essere configurato come reato contro l’umanità.

Se volete sentire l’intera intervista la trovate sul sito de IlFattoQuotidiano.it:  link

Insomma, un discorso folle dall’inizio alla fine, una buona pubblicità per MoVimento 5 Stelle.

Red

Carlo Taormina diventa un 5 stelle

Ecco la mail incriminata

Ecco la mail incriminata

Ecco la mail incriminata con cui Massimo Artini ha scoperto che erano spiati da Casaleggio

Movimento 5 stelle Ecco la mail incriminata

Ecco la Mail incriminata, a pochi giorni dallo scoppio del caso riassumiamo tutto

Ecco la Mail incriminata:

Da: “Staff”

Data: 03 ottobre 2014 18:32:35 GMT+02:00
A:

Oggetto: Tua email su @parlamentari5stelle.it

Caro Cittadino 5 stelle,
abbiamo riscontrato una situazione non sanabile
nella gestione attuale della posta e dei calendari
riferiti al dominio @parlamentari5stelle.it che risulta
compromessa nonostante alcuni interventi che
sono stati adottati nelle ultime settimane.
Ti invitiamo a svuotare la posta e non utilizzare
questo account fino a quando il servizio non verrà
esternalizzato su un servizio in cui il controllo
della propria posta e calendario non sia gestibile
solo direttamente dall’utente.
Ad ora risultano meno di 30 persone che stanno
utilizzando in modo continuo o la posta o il calendario
su questo dominio per cui suggeriamo venga dismesso
nell’immediato.

Lo staff di Beppe Grillo
Saluti

Come riporta Huffington Post ecco il messaggio scritto da un soggetto terzo che non aveva e non doveva avere relazione nel rapporto tra Movimento 5 Stelle Camera e WR Networks srl. Si nota che il messaggio proveniva direttamente dalla sede della Casaleggio Associati: se si legge la dicitura Received, il PC da cui è stato inviato il messaggio (trinettaPC) è quello di Chiara Trinetta, una dipendente della Casaleggio Associati.

Return-Path: <[email protected]> Received: from trinettacPC (89.96.28.97) by mr001msr.fastwebnet.it (8.5.140.03) id 5410A852051F6C36; Fri, 3 Oct 2014 18:30:25 +0200 X-Cnfs-Analysis: v=2.1 cv=BOo9rTgG c=1 sm=2 tr=0 a=2hhqPtFR5tkv9ECoHDfmWA==:117 a=ovZvCKDM366OOPw4nNKbqg==:17 a=ghuvRfiwaUsA:10 a=DAwyPP_o2Byb1YXLmDAA:9 a=Zr7miEi8wWIA:10 a=cKsnjEOsciEA:10 a=dieEohZhg3dPG1LD2P4A:9 a=wPNLvfGTeEIA:10 a=yMhMjlubAAAA:8 a=SSmOFEACAAAA:8 a=AMXcnawkAAAA:8 a=jjynDpAGPk6sC-fvsCYA:9 a=gKO2Hq4RSVkA:10 a=UiCQ7L4-1S4A:10 a=hTZeC7Yk6K0A:10 a=frz4AuCg-hUA:10 a=tXsnliwV7b4A:10 X-Cnfs-Analysis: v=2.1 cv=BOo9rTgG c=1 sm=2 tr=0 a=2hhqPtFR5tkv9ECoHDfmWA==:117 a=ovZvCKDM366OOPw4nNKbqg==:17 a=ghuvRfiwaUsA:10 a=DAwyPP_o2Byb1YXLmDAA:9 a=Zr7miEi8wWIA:10 a=cKsnjEOsciEA:10 a=dieEohZhg3dPG1LD2P4A:9 a=wPNLvfGTeEIA:10 a=yMhMjlubAAAA:8 a=SSmOFEACAAAA:8 a=AMXcnawkAAAA:8 a=jjynDpAGPk6sC-fvsCYA:9 a=gKO2Hq4RSVkA:10 a=UiCQ7L4-1S4A:10 a=hTZeC7Yk6K0A:10 a=frz4AuCg-hUA:10 a=tXsnliwV7b4A:10 Message-Id: <[email protected]> Mime-Version: 1.0 Content-Type: multipart/alternative; boundary=”—-=_NextPart_000_016B_01CFDF38.A0E1F800″ X-Mailer: Microsoft Outlook 14.0 Thread-Index: Ac/fJBXU0ScMojqFRMaKXiuoJVuDow== Content-Language: it

I grillini parlano di fango, potrebbe sembrare visto che è scoppiato poco prima delle elezioni comunali, ma resta comunque un fatto gravissimo su cui il partito pentastellato dovrà fare chiarezza. Sarà anche uscito prima di tale ricorrenza, ma questo non cancella il fatto grave che sembra defilarsi.

Red

Il 10 potrebbe ritornare tram?

Il 10 potrebbe ritornare tram?

Il 10 potrebbe ritornare tram su tutta la linea? Ad oggi vi è la doppia gestione tram-bus

Il 10 potrebbe ritornare tram? Linea 10 tram città di torino

Da quanto si legge in un messaggio del consigliere comunale Bertola il 10 potrebbe ritornare tram su tutta la linea in futuro (forse in autunno)

Il 10 potrebbe ritornare tram?. Da quanto scritto oggi sulla propria pagina Facebook dal consigliere del MoVimento 5 Stelle Vittorio Bertola, il 10 potrebbe ritornare tram su tutta la linea. La cosa sembrava quasi utopistica visti i tempi che corrono: Torino in passato aveva un’ottima rete tranviaria e poi alcune linee sono state soppresse.

Le uniche linee tranviarie a pieno regine sono le linee 3, 4, 6, 9, 10 (a metà) 13 (da poco ripristinata), 15 e 16.

La linea 13 è ritornata tram da una settimana, ritornando ad essere efficiente una linea fondamentale della città.

La linea 10 ad oggi è troncata perchè è tram da Torino sud a piazza XVIII Dicembre (anche se il capolinea effettivo è piazza Statuto), poi prosegue con un bus navetta fino a Torino nord, l’altra vecchia linea tramviaria è la 18 che è diventata una linea bus quando erano iniziati i lavori della metropolitana, che ora ad eccezione dell’ultimo tratto, fino al Lingotto sono terminati.

Ma ora veniamo al post in questione di Vittorio Bertola, che fa pensare che il 10 potrebbe ritornare tram:

In commissione ci hanno relazionato sul ritorno del tram sulla linea 13, un altro passo avanti nell’inversione di una tendenza alla progressiva riduzione dei tram che andava avanti da quindici anni e che io ho combattuto attivamente per tutto il mandato: un altro dei cambiamenti che siamo riusciti ad ottenere. Adesso si parla apertamente di ritorno del 10 tram fino a Borgo Vittoria già dall’autunno, se da Roma concederanno la possibilità di utilizzare i ribassi di gara della copertura del passante per ricostruire i binari in piazza Baldissera; la flotta attuale (55 tram serie 6000, 53 serie 5000 e 87 serie 2800) sarebbe sufficiente anche se al limite.
Per ulteriori sviluppi invece bisogna che Regione e Governo si mettano una mano sul cuore e un’altra sul portafoglio e sgancino minimo una quarantina di milioni di euro per poter fare un acquisto significativo di nuovi tram.

Red

Il 10 potrebbe ritornare tram? Tram torino linea 4