Schwarzy consola Sly

Schwarzy consola Sly

Schwarzy consola Sly Sylvester Stallone con le sexy figlie alla premiere di Creed 1

Schwarzy consola Sly. Arnold Schwarzenegger consola Sylvester Stallone per la mancata vittoria agli Oscar ieri sera. Una grossa delusione per Sly e i suoi milioni di fan in tutto il mondo che avevano seguito con trepidante attesa la Notte degli Oscar.

Sylvester Stallone era candidato alla statuetta come il Miglior Attore non Protagonista per Creed, il nuovo capitolo della saga di Rocky.

Su Twitter, Arnold Schwarzenegger suo ex rivale al botteghino e amico di vecchia data ha pubblicato un video in cui si complimenta con Sly dichiarando: per me sei tu il migliore.

Ecco il link del video: VIDEO

Leonardo DiCaprio e i biscotti

Leonardo DiCaprio e i biscotti

Leonardo DiCaprio e i biscotti
Leonardo DiCaprio e i biscotti
. Leonardo DiCaprio era ieri sera alla cerimonia degli Oscar, ma sembrava molto più interessato alla scatola di biscotti che teneva in mano. Uno sguardo famelico, bramava più i biscotti del tanto desiderato Oscar.

Alla fine della cerimonia Leonardo DiCaprio ha poi vinto uno strameritato Oscar, che ha dovuto contendersi con altri attori che lo meritavano come Bryan Cranston, per la notevole interpretazione in L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo. Grazie a Revenant – Redivivo l’Oscar è andato anche per il secondo anno consecutivo al regista Alejandro González Iñárritu.

Se cercate una recensione di Revenant – Redivivo, la trovate qui: Cinema e dintorni

Red

Lo stuntman di Revenant – Redivivo

Lo stuntman di Revenant – Redivivo

Parla lo stuntman di Revenant – Redivivo

Lo stuntman di Revenant - Redivivo

Lo stuntman di Revenant – Redivivo, che ha dato vita al famoso orso.

Lo stuntman di Revenant – Redivivo. L’orso più famoso al mondo, quello di cui si parla spesso sui social dicendo per scherzo che soffierà l’Oscar a Leonardo DiCaprio è stato interpretato da due stuntman che tramite l’usuale tuta blu hanno poi permesso di ricreare artificialmente il grizzly.

Glenn Ennis, uno dei due stuntman che ha dato i movimenti al grosso grizzly, intervistato da Global News ha detto:

Avevano due statunitensi (stuntman forse?)che si sono occupati delle prove, di impostare tutta la routine della scena. Uno è finito in ospedale per sfinimento e spossatezza. Si tratta di prendere una persona, scaraventarla in giro, ribaltarla, attaccarla. Correre sulle tue mani e piedi per dieci metri non è semplice se sei di corporatura imponente ed è un processo non-stop per ben due minuti. Quando questo tizio è finito in ospedale, ho ricevuto una telefonata da Vancouver chiedendomi se potevo raggiungere il set. Ho imparato la routine velocemente. Era richiesta autenticità, la capacità di replicare i movimenti di un orso. Forse il mio background nella recitazione mi ha aiutato [ben 15 anni di esperienza alle spalle, NdR]. In ogni caso, per evitare lo sfinimento fisico, era impossibile che a girare la scena fosse una persona sola. Ma io sono stato l’orso numero uno […]Durante le prove indossavo una tutta blu con la testa di un orso […] Inarritu è stato chiaro fin dal principio circa il realismo che questa scena richiedeva.”

Parla lo stuntman di Revenant - Redivivo Revenant - Redivivo The Revenant Alejandro González Iñárritu Leonardo DiCaprio, Tom Hardy, Domhnall Gleeson, Will Poulter streaming 6

Poi ha continuato:

Sì, per il 20% del tempo ho fatto proprio quello. La parte divertente è questa: se fate caso alla testa dell’orso nell’immagine… Volevano che la sua testa, la sua bocca fosse nella parte bassa della schiena di DiCaprio. Dovevo afferrare la sua giacca con la mano per far sì da dare l’impressione che l’orso gli stesse lacerando la giacca. Per far sì che la testa della bestia si trovasse in quella posizione, fondamentalmente la mia testa doveva stare fra le sue chiappe. La mia faccia è stata a stretto contatto col sedere di DiCaprio per un buon quantitativo di tempo. Capisco che per molte persone ciò sia come un sogno, ma per me non lo è stato!.

Vi abbiamo riportato una traduzione che non sembra impeccabile che abbiamo trovato sul noto portale cinematografico http://www.badtaste.it/. La scena con l’orso è stata girata tutta in piano sequenza ed è così realistica che fa immerge lo spettatore nella lotta tra l’animale e Hugh Glass e il grosso animale.
Scherzi a parte sulla vittoria della statuetta da parte dell’animale crediamo che questa volta Leonardo DiCaprio per la sua bella interpretazione possa vincere l’Oscar. Oscar ampiamente alla portata anche per il regista Alejandro González Iñárritu e l’attore non protagonista Tom Hardy che da vita ad un villain straordinario.

Se volete leggere una recensione di questo stupendo film la trovate qui: Revenant – Redivivo

Red

Parla lo stuntman di Revenant - Redivivo Trucco di Revenant Leonardo DiCaprio

Tom Hardy racconta come ha avuto la parte in Revenant

Tom Hardy racconta come ha avuto la parte in Revenant

Tom Hardy racconta come ha avuto la parte in Revenant, il ruolo di John Fitzgerald doveva andare a Sean Penn

Tom Hardy racconta come ha avuto la parte in Revenant Revenant - Redivivo The Revenant

Tom Hardy racconta come ha avuto la parte in Revenant, per la quale ha ricevuto una nomination agli Oscar 2016

Tom Hardy racconta come ha avuto la parte in Revenant. Revenant – Redivivo è oramai uscito nelle sale da quasi un mese, sta avendo un grande successo al botteghino e ha fatto incetta di nomination agli Oscar del 2016. Anche l’attore grazie al capolavoro di Alejandro González Iñárritu ed alla sua magistrale interpretazione di John Fitzgerald ha ottenuto la sua prima candidatura agli Oscar.

Dovete però sapere che questo ruolo era stato inizialmente affidato a Sean Penn.

Hardy racconta:

Leo mi ha telefonato. Sean Penn doveva inizialmente interpretare Fitzgerald, ma poi non era più disponibile. Io stavo per fare Splinter Cell, ma Leo mi ha telefonato e mi ha detto, “Sto per fare questo film con Alejandro. È veramente bello”. Ecco, è andata così.

Sean Penn è uno dei più grandi attori in cuircolazione e sicuramente avrebbe giovato alla pellicola, ma lasciatecelo dire, sarebbe stato un vero peccato che Tom Hardy rinunciasse a Revenant – Redivivo, la pellicola avrebbe perso molto senza la sua splendida interpretazione.

Se volete leggere una recensione della pellicola, la trovate qui: Revenant – Redivivo

Red

Tom Hardy racconta come ha avuto la parte in Revenant Revenant - Redivivo The Revenant Alejandro González Iñárritu Leonardo DiCaprio, Tom Hardy, Domhnall Gleeson 2

Leonardo DiCaprio e il colonnello Hans Landa

Leonardo DiCaprio e il colonnello Hans Landa

Leonardo DiCaprio e il colonnello Hans Landa, una parte da Oscar

Leonardo DiCaprio e il colonnello Hans Landa leonardo dicaprio

Leonardo DiCaprio e il colonnello Hans Landa: non fu scelto lui ma il ruolo andò all’austriaco Waltz

Leonardo DiCaprio e il colonnello Hans Landa. Leonardo DiCaprio è stata la prima scelta per il colonnello Hans Landa, poi il regista Quentin Tarantino ha deciso di prendere un attore che sapesse parlare il tedesco e scelse Christoph Waltz.

Christoph Waltz ha poi vinto l’Oscar come migliore attore non protagonista nel 2010 per il ruolo del colonnello Hans Landa.

Secondo Tarantino, l’austriaco Waltz gli “ha restituito il film”, in quanto sentiva che il film non poteva essere girato senza il personaggio di Landa, ma temeva che la parte fosse “impossibile da interpretare”.

Leonardo DiCaprio sta inseguendo la statuetta da parecchia anni, grandi ruoli e interpretazioni ma nessun Oscar. Secondo noi si rifarà quest’anno con la sublime interpretazione in Revenant – Redivivo.

Se cercate una recensione di Revenant – Redivivo, la trovate qui: Link

Red

Kate Winslet e il ruolo in Steve Jobs

Kate Winslet e il ruolo in Steve Jobs

Kate Winslet e il ruolo in Steve Jobs: “Il ruolo in Steve Jobs sono andata a prendermelo”

Kate Winslet e il ruolo in Steve Jobs kate winslet sexy

Kate Winslet e il ruolo in Steve Jobs, l’attrice inglese svela come è riusci ad ottenere il ruolo per il quale ha già vinto un Golden Globe ed è stata appena candidata all’Oscar 2016

Kate Winslet e il ruolo in Steve Jobs. La bellissima attrice inglese, già vincitrice dell’oscar come migliore attrice nel 2009, ha dichiarato al settimanale Grazia:

Quel ruolo non mi è arrivato da chissà dove, sono andata a prendermelo. È stata senza dubbio una delle esperienze creative più gratificanti che mi siano mai capitate.

Nel film diretto dal regista inglese Danny Boyle interpreta Joanna Hoffman, che è stata definita dall’attrice: “l’unica donna che Jobs ascoltasse”.  Kate Winslet per questo ruolo ha appena vinto un Golden Globe e ieri ha avuto una nomination all’Oscar come migliore attrice non protagonista.

Tra i candidati all’Osca c’è anche il suo buon amico Leonardo DiCaprio, che ci sentiamo di dire che sta volta è superfavorito per la sua grandissima interpretazione in The Revenant di Alejandro González Iñárritu.

Red

Kate Winslet e il ruolo in Steve Jobs kate winslet

Nomination Oscar 2016

Nomination Oscar 2016

Nomination Oscar 2016, come prevedibile molte candidature per lo stupendo The Revenant

Nomination Oscar 2016 Oscar

Nomination Oscar 2016 per categorie:

Miglior attore protagonista

Leonardo Di Caprio (Revenant), Brian Cranston (Trumbo), Michael Fassbender (Jobs), Eddie Redmayne (Danish girl), Matt Damon (The Martian – il sopravvissuto)

Miglior attrice protagonista

Charlotte Rampling (45 anni), Brie Larson (Room), Saoirse Ronan (Brooklyn), Jennifer Lawrence (Boy), Cate Blanchett (Carol)

Miglior attore non protagonista

Sylvester Stallone (Creed), Christian Bale (la grande scommessa), Tom Hardy (Revenant), Mark Ruffalo (il caso spotlight), Mark Rylance (il ponte delle spie)

Miglior attrice non protagonista

Rooney Mara (Carol), Alicia Vikander (Danish girl), Jennifer J. Leigh (the hateful eight), Rachel Macadams (il caso spotlight), Kate Winslet (Steve Jobs)

Miglior fotografia

Carol, The hateful eight, Revenant, Sicario, Mad Max fury road

Miglior sceneggiatura originale

Il ponte delle spie, Ex Machina, Il caso spotlight, Inside out, Straight outta compton

Miglior film d’animazione

Anomalisa, Inside out, Shaun vita da pecora, Quando c’era Marnie, Boys and the world

Miglior Film straniero

Embrace of the serpent (Colombia), Son of Saul (Ungheria), Mustang (Turchia-Francia), Theeb (Giordania), A war (Danimarca)

Miglior regia

Alejandro González Iñárritu (Revenant), Adam McKay (la grande scommessa), George Miller (Mad Max Fury road), Lenny Abramson (Room), Tom Mckaty (il caso spotlight)

Miglior Film

Revenant, Mad Max Fury road, Il ponte delle spie, la grande scommessa, The martian – il sopravvissuto, Room, Brooklyn, il caso spotlight

Red